4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  

Tutto suo padre

Regia: Maurizio Lucidi
Soggetto: Alberto Bevilacqua
Sceneggiatura: Enrico Vaime, Stefano Ubezio, Enrico Montesano
Interpreti: Enrico Montesano, Marilù Prati, Anna Gardini, Bruno Rosa
Genere Satirico
Produzione; Italia - 1978

Trama

Origine della trama Wikipedia
Un giovane pizzaiolo romano riceve dalla madre, che si trova in punto di morte, una notizia sconvolgente: egli è il figlio naturale di Adolf Hitler, concepito durante una scappatella tra il Führer e la signora durante la visita che il dittatore tedesco fece in Italia nel 1938. Dopo averlo scoperto, una perfida multinazionale tedesca lo rieduca opportunamente per fargli seguire le orme del padre: Adolfo viene condotto in un castello tedesco, dove si cerca in tutti i modi di insegnargli la lingua e la retorica del celebre genitore.
Tuttavia, egli si dimostra assolutamente inadatto a questo nuovo ruolo. A furia di insistere, il gruppo neonazista lo convince a tenere un discorso pubblico, ma nell'occasione Adolfo commette una serie di gaffe (tra le altre cose, all'inizio mima le gesta e la voce di Mussolini) e, come se non bastasse, lancia una serie di accuse - anche sessuali - contro Hitler. Tornato in Italia, riprende la professione di pizzaiolo; leggendo una rivista, apprende che uno storico statunitense ha appurato l'impotenza di Hitler e si rallegra di questa mancata paternità.


Ricerca nel database cinema