Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
PAOLO GIOVIO

VITE DEGLI SFORZESCHI

VITA DI MUZIO ATTENDOLO SFORZA


Muzio Attendolo Sforza nacque il 28 maggio 1369 a Cotignola nel contado di Faenza, da famiglia non nobile ma agiata.
Il padre si chiamava Giovanni, la madre Elisa Petracini. La coppia ebbe numerosi figli, molti dei quali intrapresero la carriera militare.
Si raccontava che Muzio scelse di arruolarsi tirando a sorte mentre lavorava la terra, ma probabilmente si trattava di una diceria fatta circolare dai detrattori degli Sforza per evidenziare le modeste origini della famiglia.
Comunque all'et di tredici anni Muzio lasci la famiglia per seguire Boldrino da Panicale, allora capitano generale delle milizie della Chiesa.
Dopo questa prima esperienza ed un breve rientro in famiglia, Muzio milit sotto Alberigo Broglia, quindi sotto Giovanni Acuto.
Quest'ultimo era all'epoca particolarmente noto per aver pacificato la Romagna che si era ribellata alla Chiesa otttenendo dal papa alcuni feudi fra i quali Cotignola. Aveva sposato una figlia di Bernab Visconti ed era stato comandante nell'esercito dei Fiorentini.
Il piemontese Broglia, militando per Firenze e per il Papa, era divenuto signore di Assisi, mentre Biordo Michelotti lo era di Perugia.
Alberigo da Barbiano comand la potente Compagnia di San Giorgio i cui soldati dovevano giurare di non voltare mai le spalle al nemico e sconfisse numerose armate straniere.
Muzio pass al servizio di Alberigo da Barbiano che presto not le sue qualit di combattente e che, a seguito di una discussione per la spartizione di un bottino, lo soprannomin Sforza.
Via via che lo Sforza diventava famoso molti parenti lo raggiungevano e si univano a lui. I fratelli Bartolo e Francesco, i cugini Michelotto e Foschino Attendolo e Sanoparente Petracini.
Fra i suoi ufficiali strinse particolare amicizia con Martino da Faenza, Eustorgio Visconti, Ludovico Colonna, Tomaso da Citt di Castello, Angelo Lavello detto il Tartaglia ed altri.
In giovent Sforza fu legato da fraterna amicizia con Braccio da Montone, ma ques'amicizia si infranse molti anni dopo quando braccio si impadron dei possedimenti sforzeschi in Toscana mentre Sforza era prigioniero a Benevento.
Allestita la sua prima compagnia, Sforza combatt per il partito perugino dei Raspanti contro Gian Galeazzo Visconti al soldo del quale pass al termine della guerra.
Pass quindi ai Fiorentini che avevano stretto alleanza con i Francesi contro Gian Galeazzo.
In quel periodo Sforza rese onore all'imperatore Roberto che, impressionato dalla sfilata della milizia del condottiero, gli concesse di aggiungere un leone allo stemma di famiglia che mostrava una mela cotogna, simbolo di Cotignola.
Ritornato in Toscana, Sforza fu per alcuni anni al servizio di Firenze compattendo nella guerra di Bologna poi in quella di Pisa e ricevendo la corona d'alloro e lo stendardo del giglio per aver sconfitto Angelo della Pergola.
Conclusa la guerra di Pisa, Sforza prese congedo dai Fiorentini per passare a Niccol III d'Este che in quel periodo combatteva contro Ottobuono Terzi signore di Parma.
Dopo un periodo di scontri l'Estense accett di trattare la pace ma attir Ottobuono in un'imboscata nei pressi di Rubiera. Sforza e Michelotto uccisero Ottobuono Terzi e rapidamente dispersero quanti erano con lui, quindi entrarono in Parma dove la popolazione accolse con favore chi li aveva liberati dal tiranno.
Al momento di congedarsi, Sforza ebbe da Niccol d'Este il castello di Montecchio come premio per le sue imprese.
In seguito Sforza serv quattro Papi: Gregorio XII, Alessandro V, Giovanni XXIII e Martino V. Liber Roma da Braccio da Montone e la consegn a Giordano Colonna, fratello di Martino V, e venne nominato gonfaloniere della Chiesa.
Serv Ladislao re di Napoli e, dopo la morte di questi, la regina Giovanna II.
Alla corte napoletana Sforza visse alterne fortune dovute al carattere instabile della regina ed all'influenza dei suoi amanti. Ebbe da Giovanna Benevento, Manfredonia, Bari, Trani ed altre terre in Puglia, Calabria e Basilicata, ma poi caduro in disgrazia per le trame del Caracciolo, Sforza pass a Luigi III d'Angi per ordine di Martino V che intendeva deporre Giovanna.
Torn pi tardi in buoni rapporti con Giovanna II e la difese contro Alfonso V d'Aragona.
Combattendo per Luigi d'Angi contro Ladislao al Garigliano, Sforza fu apprezzato e lodato sia da Luigi sia da Ladislao il che suscit l'invidia di Paolo Orsini, altro condottiero.
Venne imprigionato a Napoli ma poi liberato quando fu necessario domare una rivolta all'Aquila, citt che egli occup rapidamente riportandola all'obbedienza a Giovanna.
Tradito dal Tartaglia mentre era prigioniero, Sforza lo perseguit ed infine lo sconfisse in una battaglia nei pressi di Viterbo dalla quale Tartaglia sopravvisse a stento.
Un'altra famosa vittoria fu quella che Sforza consegu nei pressi del fiume Sebeto contro gli Spagnoli di Alfonso V d'Aragona in difesa di Luigi d'Angi.
Quando intervenne per liberare Roma da Braccio da Montone quest'ultimo si allontan senza combattere e lasci il Piccinino a presidiare Palestrina.
Piccinino venne a battaglia con Sforza, fu sconfitto, catturato e successivamente rilasciato in uno scambio di prigionieri.
Alfonso V fece arrestare Caracciolo ed assedi Napoli per prendere anche Giovanna. Sforza accorse ed invi messaggeri ad Alfonso pregandolo di desistere ed offrendosi come mediatore di una pacifica riconciliazione ma l'Aragonese respinse la proposta con arroganza. Si venne quindi a battaglia e gli Spagnoli furono sconfitti.
Sforza fu invece battuto da Braccio da Montone nei pressi di Viterbo a causa del tradimento di Niccol Orsini che pass al nemico durante il combattimento.
Fu sconfitto anche presso la grotta di Posillipo quando le sue truppe furono aggredite improvvisamente nel corso di una tregua da quelle napoletane inviate dal Caracciolo, ma successivamente attacc Napoli con tale impeto che Caracciolo dovette arrendersi a dare a Sforza i propri figli come ostaggi.
L'ultima fra le sconfitte di Sforza annoverato da Giovio fu quella subita presso Capua ad opera di Braccio che lo respinse fino ad Aversa.



Statistiche

  • Visitatori in linea:
  • Visitatori totali:
  • Pagine visualizzate:

Contatti

Licenza Creative Commons Licenza Creative Commons

Tutto il contenuto di questo sito è posto sotto licenza Creative Commons. Gli articoli qui pubblicati possono essere copiati ed utilizzati con o senza modifiche su altri siti applicando l'icona Creative Commons tramite il codice che si trova in questa pagina.Siamo lieti di mettere il nostro materiale a disposizione di chi condivide i nostri interessi.

2000 - 2017. Sunelweb
Sergio Unia