4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Mileto



Antica città dell'Asia Minore, sulla costa dell'Egeo a sud del Meandro, fondata dai cretesi, poi colonia ionica, distrutta dai persiani nel 494 a.C. Abitato fin dall'età neolitica, il sito di Mileto accolse insediamenti cretesi durante il Medio Minoico, alla lingua cretese sembra infatti risalire il nome della città . Successivamente fu abitata da genti di origine micenea, fino alla metà del secolo XI a.C., quando sopraggiunse la colonizzazione ionica. A questo periodo più antico va probabilmente riferito il mito dell'eroe cretese Mileto figlio di Apollo considerato fondatore della città.
Fino al termine dell'VIII secolo fu governata dalla dinastia dei Nelidi che si diceva discendesse dal colonizzatore Neleo, originario di Pilo o di Atene. Avvantaggiata dalla sua posizione di capolinea della via carovaniera che univa la foce del Meandro all'Anatolia, Mileto svolse ricchissimi commerci, ebbe una flotta potente e creò colonie quali Abido (Dardanelli), Cizico (Mar di Marmara), Istro, Olbia, Sinope e Panticapeo (Mar Nero) e Naucrati (delta del Nilo).
Fu alleata dell'Egitto a cui inviò aiuti finanziari e militari durante la guerra contro gli Assiri.
Suo maggior avversario fu il regno di Lidia che alla fine del VII secolo impose il tiranno Trasibulo. Alla morte di Trasibulo (590 a.C.) varie fazioni cittadine si contesero il potere mentre la città rimaneva di fatto in mano ai Lidii finché nel 548 si sottrasse alla loro influenza accogliendo l'autorità persiana. In quegli anni Mileto conobbe il suo massimo splendore come centro culturale: vi abitarono pensatori quali Talete, Anassimandro, Ecateo. Il suo alfabeto si estese a numerosi centri di cultura e, adottato da Atene intorno al 402 a.C., divenne l'alfabeto comune a tutto il mondo greco.
I Persiani avevano imposto il governo del tiranno Istreo, a loro favorevole. Il successore di Istreo, Aristagora, guidò un'insurrezione contro i Persiani che si concluse con la sconfitta nella battaglia di Lade del 494 a.C. e con la distruzione di Mileto, la cui popolazione venne deportata sul Tigri.
Dopo la vittoria di Micale (479 a.C.), i Greci decretarono la ricostruzione di Mileto. La nuova città appartenne alla Lega Delio-Attica fino al 412 a.C., quando accolse il satrapo Tissaferne e si allineò con gli Spartani.
Nel 401 a.C. Ciro il Giovane riportò completamente Mileto sotto l'autorità persiana, situazione che perdurò fin quando Alessandro non liberò la città nel 334 a.C.
Per due secoli fu contesa fra i sovrani ellenistici Lagidi, Seleucidi ed Attalidi. Nel 133 a.C. entrò a far parte della provincia romana dell'Asia, come città libera, ma nel 78 a.C., per aver appoggiato Mitridate, perse del tutto la libertà .
Sotto i Romani Mileto conobbe un nuovo grande sviluppo. La sua decadenza iniziò nel secolo VI d.C. quando le alluvioni del Meandro finirono per interrare il suo porto ed allontanarla dal mare.
Nel X o XI secolo un terremoto distrusse gran parte dei suoi antichi edifici.


Riferimenti letteratura:
  • Strabone - Geografia
  • Erodoto - Storie
  • Plutarco - Alessandro e Cesare
  • Pausania - Descrizione della Grecia



  • Indice sezione