Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Ificrate



Generale ateniese del quarto secolo a.C., nonostante le umili origini riuscì a svolgere una brillante carriera militare.
La prima sua impresa di cui abbiamo notizia risale alla guerra di Corinto. Nel 392 il porto di Corinto denominato Lecheo era stato preso dagli Spartani, ma Ificrate impedì che le forze nemiche muovessero contro Atene impegnandole continuamente con scorrerie ed azioni di guerriglia dei suoi mercenari che armò alla leggera per renderli più agili e veloci.
Nel 390 a.C. sterminò un reggimento spartano nei pressi di Corinto e nel 389 sconfisse nel Chersoneso Tracio lo spartano Anassibio.
Passò quindi al servizio della monarchia tracia militando sotto Seute II poi per il suo successore Cotys del quale sposò la figlia.
Nel 377 gli fu affidato il comando di ventimila mercenari per coadiuvare i Persiani del satrapo Farnabazo II nella campagna in Egitto.
Tornò nel 373 a Atene per il processo contro Timoteo accusato di aver mal condotto le operazioni a Corcira. Succeduto a Timoteo prese insieme a Callistrato il comando della flotta che nella successiva primavera riprese il controllo di Corcira e Cefallenia.
Nel 339 a.C. avrebbe dovuto fermare il ritorno in Beozia di Epaminonda e delle sue truppe reduci dall'invasione del Peloponneso ma non riuscì nell'impresa. Anche le sue operazioni sulla costa macedone e l'attacco a Anfipoli nei tre anni successivi non portarono risultati significativi e Ificrate, sostituito da Timoteo, si ritirò in Tracia.
Tornò a Atene nel 358 per partecipare come stratego insieme a Carete, Timoteo e Menesteo alla guerra sociale contro i confederati di Atene. Questi comandanti, dopo una pesante sconfitta presso Embata, furono processati.
Carete accusò gli altri di viltà e Ificrate, che era padre di Menesteo, assunse tutte le responsabilità ma riuscì a farsi assolvere e trascorse serenamente il resto della vita in Atene.
Morì forse intorno al 353 a.C.
Pausania (I, 24, 6) parla di una statua di Ificrate all'ingresso del Partenone.


Riferimenti letteratura:
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Giustino - Epitome delle Storie Filippiche Di Pompeo Trogo
  • Pausania - Descrizione della Grecia




  • Indice sezione