Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Numa Pompilio



Secondo re di Roma nella cronologia tradizionale.
Di origine sabina fu re pacifico ed innovatore. Caratteristiche del suo regno sono le numerose riforme in campo religioso e civile che adombrano un momento di organizzazione e razionalizzazione degli apporti culturalmente diversi delle varie componenti entiche della Roma arcaica.
Gli si attribuivano in campo religioso l'importazione del culto di Vesta, l'istituzione del culto di Termine, la creazione di nuovi ordini sacerdotali quali le Vestali, i Pontefici, i Feziali, ecc.
In campo civile la sua più importante riforma fu quella del calendario che avrebbe introdotto per la prima volta a Roma il concetto di misura del tempo sia in base ai cicli lunari sia in base alle stagioni solari.
Fra gli aspetti mitici legati alla figura di Numa Pompilio sono da ricordare le sue nozze esoteriche con la ninfa Egeria e la miracolosa apparizione dello 'scudo ancile', letteralmente caduto dal cielo come simbolo della benevolenza divina nei confronti del re.


Un più ampio articolo sulla figura di Numa Pompilio




Riferimenti letteratura:
  • Plutarco - Vite di Licurgo e Numa
  • Livio - Storia di Roma
  • Ovidio - Fasti
  • Cicerone - La Repubblica
  • Gaio Giulio Solino - Delle cose meravigliose del mondo
  • Agostino di Ippona - La città di Dio
  • Niccolò Machiavelli - Discorsi sopra la prima decade di Tito Livio


    Vedi anche:
  • Re di Roma



  • Indice sezione