Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Ebrei



Popolo di razza semita il cui nome può essere ricollegato a un gentilizio Ebher, discendente di Sem, o a un appellativo geografico.
Originariamente nomadi delle regioni semidesertiche tra la Mesopotamia, la Palestina e l'Egitto, organizzati in tribu, gli Ebrei uscirono da questa zona e si stabilirono in Palestina, riuscendo dopo un periodo di lotte a darsi un regime unitario che culminò nei regni di Davide (960 a.C.) e di Salomone (930 a.C.).
Successivamente si scissero in due regni: a Nord il regno di Israele, a Sud quello di Giuda. Il regno di Israele fu sottomesso da Nabucodonosor nel 586 a.C. ed i suoi abitanti furono deportati in Babilonia. Liberati da Ciro re dei Persiani nel 538, tornarono in Palestina politicamente indeboliti ma rafforzati nella fede del loro unico dio Javhè, grazie all'opera dei profeti preannuncianti l'avvento del Messia salvatore.
12 Tribes of Israel Map
Mappa delle dodici tribù israelitiche
Nel 175 a.C. furono invasi dai Seleucidi, la rivolta dei Maccabei (165-145) ristabilì l'indipendenza ma nel 63 a.C. gli Ebrei furono sottomessi da Roma con la conquista di Gerusalemme da parte di Pompeo.
Il paese, diviso fra Farisei, insofferenti a Roma, e Sadducei filoromani, fu definitivamente sottomesso nel 70 d.C. con la distruzione di Gerusalemme ad opera di Tito. Ebbe allora luogo la diaspora degli Ebrei, spiritualmente uniti su tutta la Terra. La loro resistenza all'assimilazione nei paesi dove si fermarono diede luogo ad intolleranze e persecuzioni.
La lingua ebraica, di ceppo semitico, non era più parlata dal secondo secolo a.C., sostituita dall'aramaico e, solo nel 1948 con la creazione dello stato di Israele, l'ebraico è tornato ad essere la lingua ufficiale degli Ebrei.
I patriarchi partiti da Ur in Caldea, intorno al 2000 a.C., guidati da Abramo e la loro gente, si spostarono verso nord-ovest e passando per Babilonia arrivarono a Caran, distante oltre mille chilometri. Il fine del viaggio era la Terra di Canaan (Genesi 12,1) ma una volta arrivati essi continuarono a viaggiare: Sichem, Ebron, Bersabea, Egitto.
Isacco , figlio di Abramo , si fermò a Bersabea mentre Giacobbe, figlio di Isacco, partì per Caran dove si trattenne a lungo, quindi divenne capo di una famiglia di Canaan e si recò in Egitto, ove morì.
Le fonti storiche mesopotamiche sembrano avvalorare i racconti biblici: richiamano le relazioni culturali fra Ur e Caran dove si venerava la stessa divinità, la luna. Le invasioni dei Semiti occidentali ed il declino di Ur spiegherebbero la migrazione di popolazioni autoctone verso nord. Si ritrovano infatti influenze mesopotamiche nei testi biblici ed in quelli legislativi. I racconti delle peregrinazioni dei patriarchi sono dunque veritieri e le loro tribù fonderanno il popolo di Israele.


Riferimenti letteratura:
  • Bibbia
  • Giuseppe Flavio - Antichità Giudaiche



  • Indice sezione