Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Testore

  • Calcante



    Indovino greco, figlio di Testore.
    Interrogò gli dei per sapere quando e come la flotta achea, bloccata in Aulide dalla mancanza di vento avrebbe potuto riprendere la rotta verso Troia. In base al responso ottenuto sentenziò che soltanto il sacrificio di Ifigenia, figlia di Agamennone, avrebbe potuto risolvere la situazione.
    In Ditti Cretese presiedette il rituale nel quale i principi greci giurarono di distruggere Troia.
    Nel primo canto dell'Iliade (v. 90 e sgg) rivela, su richiesta di Achille, le causee della peste che va sterminando gli Achei, peste mandata da Apollo perchè Agamennone tiene prigioniera la figlia di Crise, suo sacerdote.
    Calcante si esprime con timore ben sapendo di non essere gradito ad Agamennone a causa del sacrificio di Ifigenia; prima di parlare infatti chiede ed ottiene la protezione di Achille.
    Altra importante profezia di Calcante è quella ricordata da Ulisse nel secondo libro dell'Iliade: in Aulide, durante i sacrifici, era comparso un enorme rettile che, sotto gli occhi di tutti, aveva divorato nove uccelli prima di trasformarsi in pietra. L'interpretazione di Calcante, poi dimostratasi esatta, fu che Troia avrebbe resistito per nove anni per crollare durante il decimo.

    Inoltre:
    - predisse che Troia non poteva essere conquistata senza Achille,
    - predisse che bisognava portare a Troia Neottolemo e Filottete e catturare Eleno per conoscere gli oracoli segreti che proteggevano la città,
    - predisse il suicidio di Aiace Telamonio, colpito da follia per volontà di Atena (Sofocle, Aiace)

    Esistevano diverse versioni sulla fine di Calcante:
    - Morì durante il viaggio di ritorno da Troia, per il dolore di essere stato sconfitto da Mopso in una gara di profezia: si trattava di indovinare il numero di fichi che erano su di un albero ed il numero di nati che una scrofa incinta avrebbe dato alla luce.
    - Un altro indovino, vedendolo piantare delle viti, gli aveva predetto che non ne avrebbe bevuto il vino. Ottenuto il vino Calcante tenne un banchetto ed invitò anche quell'indovino che, imperturbabile, ripetè la profezia. L'ostinazione dell'indovino divertì Calcante che fu preso da un incontenibile scoppio di risa tanto da morirne soffocato.
    - Si uccise per non aver saputo indovinare l'esito di una guerra in Licia, mentre Mopso ne aveva predetto correttamente il risultato.



    Riferimenti letteratura:
  • Iliade
  • Eschilo - Agamennone
  • Sofocle - Aiace
  • Euripide - Ifigenia in Aulide
  • Igino - Fabulae
  • Seneca - Troiane
  • Licofrone - Alessandra
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Ditti Cretese - Storia della guerra troiana
  • Divina Commedia - Inferno



  • Indice sezione