Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Roberto I

  • Fratelli e sorelle:
  • Emma
    Matrimoni - Unioni:
  • Edvige
    Figli:
  • Ugo Capeto
  • Ugo il Grande



    Figlio di re Roberto I, nipote di Oddone e cognato di re Rodolfo. Era erede dell'intera marca che era stata di Roberto il Forte ed il suo potere negli anni trenta del decimo secolo era riconosciuto dalla Normandia alla Bretagna, dalla Loira alla Senna.
    Alla morte di Rodolfo fu visto da alcuni come possibile successore al trono di Francia ma contro di lui si schierò Erberto di Vermandois.
    In un primo tempo Ugo preferì non aspirare direttamente al trono ma fece in modo che la corona venisse offerta al giovane Luigi detto d'Oltremare, figlio di Carlo il Semplice e di Ogiva.
    Ugo cercò di esercitare un esclusivo controllo su Luigi ma presto questi seguì la politica del padre rivendicando la Lotaringia che nel 925 era diventata un ducato tedesco.
    A questo punto Ugo si oppose a Luigi alleandosi con l'ex rivale Erberto di Vermandois. Ugo ed Erberto marciarono su Reims, destituirono l'arcivescovo Arnaud , sostenitore di Luigi, ed insediarono al suo posto Ugo di Vermandois, figlio di Erberto, quindi chiamarono il re dei Germani Ottone ad intervenire in Francia.
    Ottone intervenne nel 940 ma nel 942 si riconciliò con Luigi a favore del quale si pronunciava anche il papa Stefano IX. Ugo accettò di sottomettersi mentre nel 943 moriva il suo alleato Erberto.
    Nel 945 Ugo tese un'imboscata a Luigi e fattolo suo prigioniero lo liberò in cambio della città di Laon.
    Aiutato da Luigi, Luigi riconquistò Reims e si rivolse al consiglio di Ingelheim che minacciò Ugo di scomunica, convocandolo al comparire al successivo concilio di Treviri.
    Ugo non si presentò e venne scomunicato (948), successivamente Luigi riuscì a riprendere Laon (940) e infine Ugo fu costretto a sottomettersi.
    Ugo morì il 17 giugno 956, dopo aver promosso nel 954 l'elezione di Lotario , figlio di Luigi morto improvvisamente per una caduta da cavallo.


    Riferimenti letteratura:
  • Rodolfo il Glabro - Storie




  • Indice sezione