4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Erode
  • Mariamne
    Fratelli e sorelle:
  • Erode Archelao
  • Erode Filippo
  • Erode Antipa
  • Cipro
  • Salampsio
  • Alessandro
  • Antipatro
  • Filippo
  • Olimpia
    Figli:
  • Erodiade
  • Erode Agrippa I
  • Aristobulo
  • Erode
  • Aristobulo figlio di Erode il Grande



    Figlio di Erode e della sua prima moglie Mariamne, fu inviato dal padre a Roma intorno al 20 a.C. per completare gli studi insieme al fratello Alessandro.
    Alessandro e Aristobulo tornarono in patria nel 17 a.C. insieme al padre che in quell'anno visitò l'Urbe per rendere omaggio all'imperatore.
    I due giovani provocarono presto la gelosia di Salomè, sorella di Erode che prese a calunniarli presso il padre.
    Aristobulo sposò Berenice, figlia Salomè.
    Qualche tempo dopo Erode fece uccidere Mariamne accusandola di cospirazione e con questo gesto, si procurò ovviamente l'odio ed il rancore dei figli. A questo punto il re decise di chiamare il suo primogenito Antipatro, figlio di Doride e lasciò intendere che voleva farne il suo successore nella speranza di ridimensionare le aspettative di Alessandro e di Aristobulo ma riuscì soltato ad acuire il loro odio e a rendere più fitte le trame e la discordia che regnavano sulla famiglia reale.
    Infine Erode, lasciatosi convincere o insospettire dalle inquietanti voci di palazzo, decise di tornare a Roma con Alessandro e Aristobulo per sottoporli al giudizio di Augusto. L'imperatore riuscì a riconciliare Erode con i figli ma nulla interruppe le cospirazioni e le calunnie in un clima di sospetto e terrore sempre più grave. Un intervento di conciliazione da parte di Archelao servì a riportare per qualche tempo la serenità ma quando si seppe che Alessandro intendeva fuggire presso il suocero la situazione precipitò ed i due fratelli furono nuovamente denunciati ad Augusto il quale ordinò un nuovo processo di fronte al governatore romano.
    Erode organizzò le cose in modo da privare i figli della possibilità di difendersi adeguatamente e, dopo un processo dall'esito incerto ed altri episodi di calunnia e tortura, li fece strangolare.
    Era l'anno 7 d.C.


    Riferimenti letteratura:
  • Giuseppe Flavio - Antichità Giudaiche


    Vedi anche:
  • Genealogia degli Erodi




  • Indice sezione