Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Elia Profeta



Profeta ebreo, il suo nome significa 'Javhè è Dio'. Visse sotto il regno di Achab il quale, convinto dalla moglie Jezebel, aveva adottato il culto di Baal e cercava di diffonderlo nel paese.
Quando si verificò una grave siccità, Elia annunciò che si trattava di una punizione divina per l'empietà del re e della sua consorte e sfidò i sacerdoti di Baal per dimostrare la loro falsità . Si trattava di offrire un bue in sacrificio ma senza accendere il fuoco, pregando invece perché sopraggiungesse un evento ultraterreno a far divampare le fiamme. I sacerdoti degli idoli fallirono, ma Elia ottenne il fulmine propizio e quando la pira fu consumata ordinò al popolo - ormai sottomesso ed affascinato - di catturare ed uccidere i suoi rivali. Quindi salì sul monte Carmelo ed attese finché non vide la prima nuvola all'orizzonte annunciare la fine della siccità.
Perseguitato da Jezebel, Elia fuggì sul Sinai dove ebbe una visione che lo rese edotto sul suo compito: Achab e Jezebel dovevano essere detronizzati, Azaleo (Hazael) doveva diventare re di Siria e punire l'idolatria in Israele. Jehu doveva essere il nuovo re di Israele, Eliseo il successore di Elia.
Quando Elia tornò dal deserto venne a sapere che Achab e Jezebel avevano fatto morire Naboth, colpevole solo di non aver voluto vendere loro la propria vigna. Elia maledisse il re il quale fu colto da grande sgomento e prostrazione.
Così Dio informò Elia di aver deciso, in forza del pentimento di Achab, di procrastinare il castigo a danno del figlio del re.
Elia incontrò Eliseo mentre lavorava nei campi e lo scelse come suo discepolo, Eliseo accettò e lo seguì. Anni dopo, durante il regno di Joram, Eliseo vide scomparire Elia su un carro di fuoco.


Riferimenti letteratura:
  • Giuseppe Flavio - Antichità Giudaiche




  • Indice sezione