Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Luigi VIII il Leone
  • Bianca di Castiglia
    Famiglia: Angioini
    Fratelli e sorelle:
  • Luigi IX
    Figli:
  • Carlo II d'Angiò
  • Carlo I d'Angiò



    1226-1285
    Figlio di Luigi VIII e di Bianca di Castiglia, fratello di Luigi IX re di Francia il quale nel 1246 gli conferì la Contea d'Angiò (Anjou) e del Maine.
    Fra il 1246 ed il 1262 acquisì per trattati e guerre la Provenza, l'Hainaut e parte del Piemonte.
    Arnolfo di Cambio
    Ritratto di Carlo d'Angiò
    By Sailko [CC BY 3.0],
    from Wikimedia Commons
    Nel 1266 accettò il regno di Napoli e Sicilia offertogli dal papa Urbano IV in odio agli Svevi, fu incoronato e vinse Manfredi a Benevento.
    Nel 1268 Corradino di Svevia, giovane figlio di Corrado e nipote di Federico II, scese in Italia per far valere i propri diritti ereditari sul regno di Sicilia, Carlo lo sconfisse a Tagliacozzo, lo arrestò e lo fece giustiziare a Napoli.
    Condusse una politica di espansione nel Mediterraneo divenendo nel 1272 re d'Albania e nel 1277, occupando San Giovanni d'Acri re titolare di Gerusalemme. Per effetto di questa politica si scontrò con le città ghibelline del nord Italia, che lo costrinsero a limitare la sua influenza alle regioni meridionali e fu avversato da Bisanzio e dai regnanti d'Aragona.
    A causa dell'intollerabile pressione fiscale istituita dal governo angioino e dei molti abusi dei funzionari francesi, in Sicilia maturò una ribellione probabilmente organizzata dietro le quinte da esponenti ghibellini ed aragonesi, ribellione che sfociò nella sommossa dei Vespri Siciliani a Palermo il 30 marzo 1282. I Francesi furono scacciati dall'isola ed i ribelli decisero di consegnare la corona a Pietro III d'Aragona che, avendo sposato Costanza figlia di Manfredi accettò ed occupò la Sicilia facendo valere i diritti ereditari della moglie.
    Carlo I d'Angiò tentò più volte di invadere la Sicilia ma non riuscendo ad espugnare Messina dovette retrocedere. Il nuovo papa Martino IV ed il nuovo re di Francia Filippo III l'Ardito organizzarono un tentativo, anche questo fallito, di invadere l'Aragona.
    Carlo morì a Foggia il 3 gennaio 1285 e fu sepolto a Napoli nella chiesa di San Gennaro, la questione siciliana si sarebbe risolta soltanto molti anni dopo. Il regno di Napoli passò a suo figlio Carlo II lo Zoppo.

    Prima moglie: Beatrice contessa di Provenza. Figli: Luigi, Bianca, Beatrice, Carlo II lo Zoppo
    Seconda moglie: Margherita di Borgogna

    Titoli: Conte d'Angiò e del Maine, Conte di Provenza e Forcalquier, Re di Sicilia, Signore di Brescia (fino al 1281), Principe d'Acaia, Re titolare di Gerusalemme (acquistò questo titolo ma non gli venne mai riconosciuto)



    Vedi anche:
  • Dinastie Angioine
  • Re di Napoli


    Riferimenti letteratura:
  • Giorgio Vasari - Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare



  • Indice sezione