4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Niccolò Machiavelli



Firenze, 1469 - ivi, 1526.
Santi di Tito - Niccolo Machiavelli's portrait
N. Machiavelli (Santi di Tito
Palazzo Vecchio, Firenze)

Scrittore, uomo di stato, politico e storico.
Dal 1498 segretario della Signoria, fu incaricato di importanti missioni diplomatiche presso Caterina Sforza, Cesare Borgia, l'imperatore Massimiliano I e in Francia. Fu inoltre incaricato di organizzare le ordinanze della milizia cittadina della quale aveva propugnato l'istituzione.
Dopo la battaglia di Prato (1512) ed il ritorno dei Medici a Firenze, fu privato dell'ufficio e costretto a vivere in confino a San Casciano dove scrisse Il Principe (1513) ed i Discorsi sulla prima deca di Tito Livio, pubblicati postumi.
Ricevette dal cardinale Giulio dei Medici l'incarico di comporre le Istorie Fiorentine.
Nel Il Principe lo Stato è concepito come creazione dell'individuo capace di approfittare delle occasioni offerte dalla fortuna ed è quindi teorizzato nella forma monarchica.
Nell'opera il Machiavelli invoca i Medici perché si facciano promotori dell'unificazione italiana.
Nei Discorsi, invece, Machiavelli studia la forma repubblicana come nelle Istorie interpreta le vicende storiche di Firenze dalle origini alla morte di Lorenzo dei Medici (1492) secondo la propria dottrina politica.

Scrisse inoltre:
Dialoghi dell'arte della guerra
Vita di Castruccio Castracani
Belfagor Arcidiavolo (novella)
Clizia (commedia)
La Mandragola (commedia)
Lettere familiari ed alla Signoria, trattatelli politici e letterari.



Riferimenti letteratura:
  • Niccolò Machiavelli - Discorsi sopra la prima decade di Tito Livio
  • Niccolò Machiavelli - Il principe




  • Indice sezione