Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Satiri



Nella mitologia pagana erano esseri selvaggi e primitivi, rappresentati come uomini con corna e gambe caprine che seguivano il corteggio di Bacco. L'originale nome di Sileni fu più tardi sostituito dalla parola Satiri che in un antico dialetto del Peloponneso (Satyroi) significava 'i pieni' con riferimento al loro perenne stato di eccitazione sessuale. In danze e cortei rituali danzatori vestiti con pelli di capra li rappresentavano quali compagni delle Ninfe. La parola Silenos indicava invece dei danzatori con coda di cavallo e naso camuso, anche essi in atteggiamento sfrenato.

In una versione del mito ripresa da Diodoro Siculo, i Sileni che entrarono nel seguito di Dioniso erano membri dell'antica civiltà libica ed avevano ereditato dagli antenati la caratteristica della coda.

Pausania riporta un racconto che parlava di un'isola dei Satiri nell'Atlantico. I suoi abitanti erano di colore rosso e avevano la coda, quando vi giunse una nave dirottata dalle correnti cercarono di violentare le donne e i viaggiatori ne fecero scendere una barbara che venne abusata in tutti i modi.


Riferimenti letterari:
  • Euripide - Ciclope
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Pausania - Descrizione della Grecia
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache



  • Indice sezione