Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Carlo V
  • Isabella di Portogallo
    Famiglia: Famiglia Asburgo
    Matrimoni - Unioni:
  • Maria Emanuela d'Aviz
  • Maria I di Inghilterra
  • Elisabetta di Valois
  • Anna d'Asburgo
    Figli:
  • Don Carlos
  • Filippo III d'Asburgo
  • Isabella Clara d'Asburgo
  • Caterina Michela d'Asburgo
  • Diego Félix d'Asburgo
  • Filippo II d'Asburgo re di Spagna



    Figlio dell'imperatore Carlo V e di Isabella del Portogallo, nacque a Valladolid nel 1527.
    Quando il padre abdicò nel 1556 divise i suoi domini fra Filippo II ed il fratello Ferdinando I.
    A Filippo andarono la Spagna, i Paesi Bassi ed i possedimenti in Italia e nel Nuovo Mondo mentre Ferdinando ebbe la corona imperiale ed i possedimenti asburgici in Europa Centrale.
    Forte delle ricchezze provenienti dall'America e di uno straordinario esercito, rilanciò il disegno egemonico di Carlo V ma dovette affrontare gravi difficoltà come la rivolta dei Paesi Bassi (1556) che innescò una situazione di conflitto che Filippo non riuscì a risolvere e che sarebbe durata ancora per decenni dopo la sua morte.
    Nel 1557 si scontrò con i Francesi e li sconfisse a San Quintino.
    Nel 1580 conquistò il Portogallo che venne annesso alla Spagna con le sue colonie d'oltre oceano.
    Nel 1588 attaccò l'Inghilterra che forniva aiuto ai ribelli olandesi, il risultato di questa impresa fu catastrofico e la "Invencible Armada" venne annientata.
    Dal suo progetto, nel complesso fallimentare, Filippo ottenne, oltre al Portogallo, la grande vittoria contro i Turchi nella battaglia di Lepanto del 1571.
    Portrait of Philip II of Spain by Sofonisba Anguissola - 002b
    Sofonisba Anguissola
    Ritratto di Filippo II

    Filippo fece imprigionare il figlio Don Carlos accusandolo di aver cospirato contro di lui, quando Carlo morì in circostanze non accertabili non mancò chi accusò Filippo di averlo fatto uccidere, da questi eventi prende le mosse la tragedia Filippo di Vittorio Alfieri.
    In occasione della pace di Cateau-Cambrésis che concluse la guerra con la Francia, Filippo sposò Elisabetta di Valois, figlia di Enrico II re di Francia, dalla quale ebbe due figlie. Dalla quarta moglie Anna d'Asburgo nacque l'erede Filippo III.
    Durante il suo regno Filippo dovette affrontare numerose rivolte in Spagna come quella dei Moriscos discendenti dai Musulmani per la quale il re scatenò una vera e propria persecuzione antiislamica.
    A un'altra rivolta che si verificò in Aragona, Filippo contrappose l'inquisizione. Intanto le province dei Paesi Bassi erano in fermento per l'eccessiva pressione fiscale ed un nuovo aumento delle imposte portò nel 1568 alla ribellione guidata da Guglielmo I d'Orange il Taciturno. La Spagna reagì con la feroce repressione comandata dal Duca d'Alba che portò a migliaia di condanne a morte ma le province settentrionali dei Paesi Bassi si unirono sotto il nome di Province Unite e nel 1581 si proclamarono definitivamente indipendenti. Guglielmo I d'Orange fu dichiarato fuori legge e nel 1584 venne assassinato.
    L'eccessiva concentrazione di potere nelle mani di Filippo costò alla Spagna molte inefficienze e perdite economiche, l'agricoltura venne disincentivata a favore dell'allevamento e dell'artigianato e ciò gravò l'economia spagnola con massicce importazioni di generi alimentari. Tutto ciò, unitamente alle enormi spese militari di Filippo e nonostante i proventi delle colonie americane, portò inflazione ed indebitamento a livelli insostenibili ed a una prima bancarotta nel 1557.
    L'annessione del Portogallo e delle sue colonie in America, Africa ed India servì a risanare le finanze spagnole e Filippo, che aveva rivendicato i diritti ereditari della madre, governò per due anni da Lisbona.
    Quando Maria Stuarda venne giustiziata Filippo colse l'occasione per attaccare l'Inghilterra con l'Invincibile Armata ma fu più volte sconfitto.
    Dal 1590 Filippo aderì alla Lega Cattolica e combatté contro Enrico IV di Francia ma, pur ottenendo alcune vittorie, raggiunse risultati negativi perché i Francesi finirono per identificare i cattolici con i nemici a danno del Cattolicesimo in Francia.
    Nel 1596 si verificò una nuova bancarotta (la terza dopo quelle del 1557 e del 1575) e l'impero di Filippo, il cui unico successo duraturo era stata l'annessione del Portogallo, si dimostrò completamente fallimentare.
    Filippo morì nel 1598 lasciando il trono al figlio Filippo III.
    Si era sposato quattro volte: da Maria Emanuela d'Aviz sposata nel 1543 aveva avuto Don Carlos, da Maria I Tudor sposata nel 1554 non ebbe figli, da Elisabetta di Valois che sposò nel 1559 nacquero Isabella Clara e Caterina Michela, da Anna d'Asburgo sposata nel 1570 ebbe Ferdinando (morto a sette anni), Carlos Lorenzo (morto a due anni), Diego Felix, Felipe (Filippo III) e Maria (morta a tre anni).


    Vedi anche:
  • Re di Spagna
  • Ducato di Milano


    Riferimenti letteratura:
  • Vittorio Alfieri - Filippo




  • Indice sezione