4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Iperione
  • Teia
    Fratelli e sorelle:
  • Elio
  • Selene
  • Cercopi
    Matrimoni - Unioni:
  • Orione
    Figli:
  • Emazione
  • Borea o Aquilone
  • Zefiro
  • Noto
  • Memnone
  • Aurora - Eos



    Dea annunciatrice del giorno, l'imminenza della luce. Figlia di Iperione e Teia
    Come Febo era raffigurata su un carro tirato da due cavalli, uno rossiccio, l'altro candido.
    La dea chiese a Efesto di costruire le armi per suo figlio Memnone che muoveva in aiuto a Troia dopo la morte di Ettore al comando di una schiera di Etiopi e che fu ucciso da Achille.
    Aurora si innamorò di Titono (o Titone) che era figlio del re di Troia Laomedonte, e nacquero due figli: Ematione e Memnone.
    Aurora chiese per lui agli dei l'eternità ma dimenticò di chiedere l'eterna giovinezza, condannandolo ad invecchiare infinitamente.
    Dopo molti anni Aurora lo rinchiuse nel suo palazzo e di Titono rimase soltanto la voce che mormorava senza fine.
    In alcuni autori (Ellanico, scolio a Licofrone), Titone viene infine trasformato in cicala.

    In un episodio narrato da Ovidio e da Igino, Aurora si innamora di Cefalo che la rifiuta per fedeltà verso la moglie Procri. La dea propone a Cefalo di mettere alla prova la sposa: mutato il suo aspetto in quello di uno straniero gli consegna ricchi doni per Procri. La ragazza cede e quando Cefalo riprende il suo aspetto comprese di essere stata ingannata e fugge a Creta dove incontra Diana. Questa le dona una lancia che non si può evitare ed un cane al quale nessuno può sfuggire invitandola a sfidare Cefalo nella caccia. Travestita da gioventto, Procri sfida Cefalo e lo vince, quindi gli propone un rapporto omosessuale in cambio della lancia e del cane. Una volta a letto Procri si rivela ed i due si rappacificano ma il giorno seguente, gelosa di Aurora, Procri segue Cefalo per spiarlo e Cefalo, scorgendo un movimento nella vegetazione, la uccise con la lancia magica.


    Riferimenti letteratura:
  • Inni Omerici
  • Esiodo - Teogonia
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Igino - Fabulae
  • Ovidio - Metamorfosi
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache



  • Indice sezione