4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Tigrane III



Il re di Armenia Artadavasde II fu catturato da Antonio che lo sospettava di doppio gioco in favore dei Parti e venne detenuto in Egitto finché, dopo la battaglia di Azio (31 a.C.), Cleopatra lo fece decapitare.
Conquistato l'Egitto, Ottaviano fece condurre a Roma Tigrane, figlio di Artadavasde II, e lo prese sotto la sua protezione.
Intanto sul trono di Armenia, con l'appoggio dei Parti, era salito Artaxias II, fratello di Tigrane e primogenito di Artadavasde II.
Questi si dimostrò decisamente ostile a Roma e perseguitò tutti i cittadini romani che per vari motivi si trovavano nel suo regno. Artaxias non risultò popolare neanche presso i nobili armeni i quali chiesero ad Ottaviano di intervenire per deporlo.
Ottaviano, ben consapevole dell'importanza strategica dell'Armenia, accolse la richiesta e decise di insediare sul trono Tigrane.
Quando la missione comandata da Tiberio giunse sul posto, Artaxias II erà già stato ucciso dai suoi oppositori e Tigrane venne collocato al potere senza difficoltà (20 a.C.).
Avendo giurato fedeltà ai Romani, Tigrane III assicurò loro il pieno controllo sulla regione pur detenendo formalmente i pieni poteri regali.
Morì nel 12 a.C. e gli successe il figlio Tigrane IV.


Riferimenti letteratura:
  • Velleio Patercolo - Storia romana
  • Svetonio - Vite dei Cesari



    Vedi anche:
  • Re di Armenia




  • Indice sezione