4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Giano



Il nome Giano deriva dalla radice ia-, legata al concetto di andare, quindi di passaggio, come avevano inteso anche gli autori antichi (Cicerone, Sulla natura degli dei, Macrobio, Saturnali). Spesso viene ricordata (Cicerone, Macrobio, Varrone) la caratteristica di Giano di essere il primo citato nei sacrifici, il che indica una sua attitudine a presiedere tutto ciò che inizia.
Divinità tipicamente latina, priva di omologo greco, veniva identificato a volte con il Caos iniziale, a volte con un mitico re ('primo sovrano sul Tevere') della cittadella sul Gianicolo che da lui prese il nome (Ovidio, Fasti).
Il re Giano ospitò Saturno espulso dal regno celeste.
Nel culto di Giano erano previsti sacrifici tributati dal Rex Sacrificulus all'inizio di ogni mese.
Un altro culto, rinnovato da Augusto, era legato alle porte del suo tempio che restavano aperte in tempo di guerra e chiuse in tempo di pace.
Era il mediatore delle preghiere e delle petizioni rivolte agli altri dei.
Gli erano dedicati il mese di Gennaio ed il colle del Gianicolo.
La rappresentazione con due volti contrapposti derivava dalla sua conoscenza del passato e del futuro.


Riferimenti letteratura:
  • Ovidio - Fasti
  • Igino - Fabulae
  • Macrobio - Saturnali



  • Indice sezione