4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Falisci



Stanziati dall'età del ferro nel Lazio settentrionale, fra i monti Cimini ed i monti Sabatini, i Falisci appartenevano al gruppo protolatino delle popolazioni italiche preromane.
Non è sicuro se fossero autoctoni o di provenienza indoeuropea ma alcune iscrizioni dimostrano che parlavano una lingua simile al latino facendo pensare ad una comune origine indoeuropea di Latini e Falisci.
Ebbero la loro capitale in Falerii Veteres, l'attuale Civita Castellana.
Sostennero i Veienti nella guerra contro Roma e quando, nel 396 a.C., i Romani sconfissero Veio sottomisero varie città dell'area falisco-etrusca quali Capena, Sutri e Nepi occupando nel 394 a.C. anche Falerii.
Ancora nel 358 a.C. i Falisci si allearono agli Etruschi in occasione della rivolta di Tarquinia e furono di nuovo sconfitti.
Nel 351 a.C. sottoscrissero con i Romani un trattato di alleanza che prevedeva, fra l'altro, lo stanziamento di una guarnigione romana a Falerii.
La definitiva sconfitta dei Falisci avvenne nel 241 a.C.: ritenendo che i Romani fossero esausti per la prima guerra punica che si era appena conclusa, i Falisci insorsero ma furono rapidamente debellati e subirono fortissime perdite. Falerii venne rasa al suolo e gli abitanti superstiti deportati.
Da allora i Falisci, come popolazione distinta ed autonoma, uscirono dalla storia.


Riferimenti letteratura:
  • Livio - Storia di Roma
  • Polibio di Megalopoli - Storie
  • Plutarco - Temistocle e Camillo
  • Plinio il Vecchio - Storia Naturale




  • Indice sezione