Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Conone



Ateniese, nato intorno al 440 a.C., fu generale durante la guerra del Peloponneso.
Nel 414 e 413 a.C. comandò la flotta di Naupatto.
Stratega nel 410 a.C. operò a Corcira. Nel 409 a.C. fu di nuovo eletto con Alcibiade e Trasibulo.
Nel 406 a.C. ebbe il comando supremo della flotta succedendo ad Alcibiade.
Attaccato nei pressi di Mitilene dallo spartano Callicratida dovette rifugiare nel porto finché non fu liberato dai soccorsi inviati da Atene che sconfissero Callicratida nella battaglia delle Arginuse.
L'anno successivo gli Ateniesi furono definitivamente sconfitti dal generale spartano Lisandro nella battaglia di Egospotami. Conone riuscì a fuggire con poche navi e riparò a Cipro dove rimase per otto anni.
Nel 397 a.C. riprese la guerra contro gli Spartani con aiuti e finanziamenti persiani e nel 394 a.C. sconfisse Pisandro presso Cnido, liberò alcune isole e città dalla supremazia spartana e nel 393 con il satrapo persiano Farnabazo attaccò e devastò le coste del Peloponneso.
Successivamente fu denunciato ai Persiani dagli Spartani con l'accusa di utilizzare i finanziamenti di Farnabazo per ricostruire le mura di Atene. Imprigionato a Sardi fu probabilmente rilasciato dopo poco e si ritirò a Cipro dove morì intorno al 390 a.C.
Pausania cita un tempio dedicato ad Afrodite al Pireo da Conone in seguito alla vittoria di Cnido.
Statue di Conone e di suo figlio Timoteo erano sull'Acropoli di Atene quando fu visitata da Pausania (I, 24, 2).


Riferimenti letteratura:
  • Tucidide - La Guerra del Peloponneso
  • Plutarco - Vite di Lisandro e Silla
  • Pausania - Descrizione della Grecia
  • Giustino - Epitome delle Storie Filippiche Di Pompeo Trogo



  • Indice sezione