Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Tantalo
  • Dione
    Matrimoni - Unioni:
  • Ippodamia
    Figli:
  • Alcatoo
  • Nicippe
  • Tieste
  • Atreo
  • Pitteo
  • Lisidice
  • Troizen o Trezene
  • Plistene
  • Ippalcimo
  • Pelope



    Figlio di Tantalo e di Dione, viene ucciso dal padre e le sue carni servite in banchetto agli dei. Solo Demetra, sconvolta dalla perdita di Persefone, non si avvede dell'inganno e mangia una sua spalla.
    Gli dei condannano Tantalo e resuscitano Pelope (con una spalla d'avorio).
    Posidone lo rapisce e ne fa il proprio amasio. Quando Pelope diventa uomo Posidone lo lascia tornare fra gli umani.
    Pelope sfida Enomao nella gara nuziale per la mano di Ippodamia. Vince, secondo le versioni:
    a) perché Posidone, memore della loro relazione, gli dona cavalli divini; (Pindaro)
    b) perché corrompe Mirtilo, auriga di Enomao (Igino, Fab. 84).
    Pelope uccide Mirtilo che insidiava Ippodamia, oppure perché temeva di essere tradito (se si segue la versione della corruzione di Mirtilo da parte di Pelope). Morendo Mirtilo maledice Pelope ed i suoi discendenti.

    Pelope ed Ippodamia hanno numerosi figli: Atreo e Tieste, Pitteo, Troizen, Plistene, Alcatoo, Lisidice, Ippalcimo, Nicippe.
    Tieste seduce la cognata Erope ed Atreo lo scaccia dal regno. Tieste invia Plistene, figlio di Atreo ma allevato da lui, ad uccidere Atreo, questi - credendo Plistene figlio di Tieste - lo uccide.
    Atreo finge di volere la pace ed invita il fratello ad un banchetto ma cattura due figli di Tieste (Tantalo e Plistene), li uccide e ne fa mangiare le carni a Tieste.
    Tieste violenta la figlia Pelopia concependo Egisto, perché aveva saputo dall'oracolo che in questo modo avrebbe ottenuto la vendetta.
    Atreo sposa Pelopia ed alleva Egisto credendolo proprio figlio.
    Agamennone e Menelao imprigionano Tieste ed Atreo ordina ad Egisto di ucciderlo. Tieste riconosce Egisto grazie ad una spada che Pelope aveva conservato e donato al figlio. Pelopia si uccide, Egisto uccide Atreo ed insieme a Tieste riconquista il regno.
    Pelope aveva un altro figlio, avuto dall'ancella Astoria o dalla ninfa Astioche, di nome Crisippo che fu rapito da Laio che ne fece il suo amasio.
    Combattendo contro Laio, Pelope riprese Crisippo ma Ippodamia, gelosa, lo fece uccidere da Atreo e da Tieste. Scoperta, si suicidò .

    In un mito narrato da Apollodoro, Pelope provoca la stgerilita di tutta l'Ellade uccidendo il re dell'Arcadia Stinfalo e facendo a pezzi il suo corpo. L'ira degli dei sarà placata solo dalla preghiere di Eaco.


    Riferimenti letterari:
  • Pindaro - Olimpiche
  • Plutarco - Vite di Teseo e Romolo
  • Igino - Fabulae
  • Ovidio - Tristia
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Licofrone - Alessandra
  • Velleio Patercolo - Storia romana
  • Vittorio Alfieri - Agamennone


    Vedere anche:
  • Atridi - Genealogia



  • Indice sezione