Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Egitto



L'Egitto o Repubblica Araba d'Egitto comprende una sezione dell'Africa nord-orientale ed una dell'Asia sud-occidentale.
I confini sono costituiti dal Mar Mediterraneo a nord, dalla Striscia di Gaza e Israele a nord-est, dal Golfo di Aqaba a est, dal Mar Rosso a est e a sud, dal Sudan a sud e dalla Libia a ovest.
La superficie totale è di 1.002.450 kmq, la popolazione è di 90 milioni di abitanti.
Il territorio è in gran parte desertico, salvo la valle del Nilo e il suo delta che costituiscono circa il 10% della superficie.
La capitale è Il Cairo, altre città importanti sono: Abu Simbel, Abydos, Alessandria, Damietta, Karnak, Luxor, Mansura, Porto Said, Saqqara, Suez.

Storia
La storia egiziana è un argomento vastissimo che non rientra nel campo trattato da Sunelweb. Per questo motivo in questo sito si incontrano riferimenti agli eventi e ai personaggi della storia egiziana sono quando questi sono in relazione con la storia greca o con quella romana, quindi si tratterà prevalentemente del periodo da Alessandro Magno in poi fino alla conquista musulmana.
Altre schede relative all'antico Egitto in epoche precedenti a quella indicata possono riguardare collegamenti ad opere letterarie, come ad esempio nel caso di Erodoto.
Analogomente questo sito non tratta a fondo la mitologia egiziana ma si limita a riportare indicazioni su divinità condivise dal mondo greco romano o citate in opere letterarie, come nel caso di Iside e Osiride di Plutarco.

Vedi anche: Dinastia Tolemaica o Lagide

L'Egitto nella Bibbia
Nell'Antico Testamento il termine Egitto indica la regione fertile lungo le rive del Nilo. Il popolo egiziano discende da Mitsraim (detto anche Egitto), figlio di Cam.
L'Egitto compare per la prima volta nella Bibbia in Genesi 12.10 quando Abramo vi si reca con la moglie a causa della carestia che si verificava in Israele, ma la storia più importante e conosciuta dell'Antico Testamento che coinvolge l'Egitto è senza dubbio quella di Giuseppe figlio di Giacobbe. Venduto ai mercanti di schiavi dai fratelli gelosi del suo ascendente sul padre, Giuseppe finisce in Egitto dove diviene molto caro al Faraone che gli conferisce potere supremo sull'intero paese. Giuseppe si ricongiunge con i fratelli e li perdona, i suoi figli Manasse e Efraim diventano capostipiti di due delle dodici tribù di Israele.

L'Egitto di Erodoto
Erodoto, che aveva personalmente visitato l'Egitto, dedica a questo paese tutto il secondo libro delle sue storie descrivendo la geografia, la popolazione, le usanze e raccontandone la storia con citazioni (non sempre esatte) dei principali re e dinastie.
Particolarmente interessante il racconto del viaggio intrapreso dallo storico alla ricerca delle sorgenti del Nilo, che hai suoi tempi nessuno aveva mai visto. Entro in Etiopia e ne visitò la capitale ma dopo quaranta giorni di navigazione si fermò perché il fiume entrava in una regione desertica assolutamente inospitale.

L'Egitto romano
L'Egitto divenne prefettura romana nel 30 a.C. con la conquista da parte di Ottaviano dopo la battaglia di Azio e la morte di Cleopatra, ultima regina della dinastia tolemaica.
Il primo prefetto di Alessandria e Egitto fu Gaio Cornelio Gallo il quale organizzò il controllo militare del paese ma cadde in disgrazia perché sospettato di cospirazione contro Augusto (probabilmente accuse costruite da senatori suoi avversari) e si suicidò nel 26 a.C.
Il secondo prefetto, Elio Gallo, tentò senza successo l'invasione dell'Arabia.
Sotto Claudio il controllo romano fu consolidato anche lungo la costa del Mar Rosso.
Durante il regno di Traiano si verificò in Alessandria la rivolta degli Ebrei, molto numerosi in Egitto, e la conseguente repressione. Rivolte di tutti gli Egiziani contro il fisco imperiale si verificarono nel 139 sotto Marco Aurelio e nel 193 alla morte di Pertinace.
La penetrazione del Cristianesimo fece molti proseliti dal secondo secolo e continuò nel terzo nonostante la persecuzione di Decio.
Nel 272 Aureliano sconfisse Zenobia regina di Palmira che aveva invaso l'Egitto. Il potere in Egitto fu detenuto per alcuni mesi nel 297 dall'usurpatore Domizio Domiziano che fu sconfitto da Diocleziano il quale riformò l'organizzazione del paese dividendolo in tre province. Con l'istituzione della Tetrarchia nel 292 il controllo delle province orientali, Egitto compreso, era infatti rimasto a Diocleziano.



Riferimenti letteratura:
  • Bibbia
  • Bibbia - Genesi
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Ottaviano Augusto - Res Gestae
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Erodoto - Storie
  • Giuseppe Flavio - Antichità Giudaiche
  • Cesare - La guerra civile
  • Igino - Fabulae
  • Livio - Storia di Roma
  • Giustino - Epitome delle Storie Filippiche Di Pompeo Trogo
  • Plutarco - Iside e Osiride
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare



  • Indice sezione