4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Ducato Longobardo di Spoleto



Istituito dai Longobardi nel VI secolo, probabilmente pochi anni dopo la loro penetrazione nell'Italia settentrionale, il ducato di Spoleto comprendeva l'Umbria, le Marche, l'Abruzzo e parte del Lazio.
Dopo la caduta dei Longobardi passò ai Franchi, quindi allo stato pontificio al quale rimase sottoposto fino al 1198.
Il territorio del Ducato era diviso in dieci gastaldati e situato in posizione strategica, confinando con i domini pontifici e bizantini.
Durante il periodo longobardo, il ducato godette di un'indipendenza politica praticamente completa. Il duca Faroaldo I occupò il porto di Classe con l'approvazione del papa Benedetto I al quale aveva restituito proprietà già appartenute ad un monastero spoletino.
A Faroaldo seguì Ariulfo che estese il ducato a scapito dei Bizantini.
Nel 662 Grimoaldo di Benevento usurpò il trono longobardo con il sostegno del ducato di Spoleto.
Nel 717 il re Liutprando tentò di occupare Roma ma fu intercettato e sconfitto dagli Spoletini. Alleatosi con i Bizantini Liutprando occupò Spoleto costringendo il duca Trasamondo II a fare atto di sottomissione insieme a Romualdo II di Benevento. Successivamente Trasamondo fu deposto e sostituito da Agiprando.
Il re Ratchis affidò il ducato a Lupo, uomo di sua fiducia, che venne successivamente deposto dal re Astolfo che assunse personalmente il governo di Spoleto.
Alla morte di Astolfo ebbe il ducato Alboino che si alleò con papa Stefano II contro la monarchia longobarda ma fu sconfitto e deposto nel 758 dal re Desiderio.
Alla definitiva sconfitta dei Longobardi vinti da Carlo Magno, il duca Ildeprando fece formale atto di sottomissione al papa Adriano I.
In forza dell'alleanza del papato con i Franchi ebbe inizio a Spoleto una serie di duchi scelti dal pontefice e graditi al regno franco, il primo dei quali fu Guinigiso I (774-788) che governò anche la città di Roma ed il ducato di Benevento.
Nell'880 divenne duca il franco Guido, vincitore sui Saraceni al Garigliano nell'885, su Berengario del Friuli nell'889, quindi re di Italia ed infine imperatore.
Nel X secolo il ducato passò ad Alberico I, quindi al figlio di questi Alberico II che imprigionò in Castel Sant'Angelo la madre Marozia.
Nel 1155 Federico Barbarossa incendiò Spoleto e nel 1177 nominò duca Corrado di Urslinger. In quel periodo fu eletto papa Innocenzo III che varò una politica di recupero dei possedimenti della Chiesa nelle Marche ed in Umbria e nel 1198 il ducato di Spoleto divenne definitivamente parte dello Stato Pontificio.


Elenco dei duchi di Spoleto

Periodo Longobardo
- 580 - 592 - Faroaldo I
- 592 - 601 - Ariulfo
- 601 - 653 - Teudelapio
- 653 - 663 - Atto
- 663 - 703 - Trasamondo I
- 703 - 724 - Faroaldo II
- 724 - 739 - Trasamondo II
- 739 - 740 - Ilderico
- 740 - 742 - Trasamondo II
- 742 - 744 - Agiprando
- 744 - 745 - Trasamondo II
- 745 - 752 - Lupo
- 752 - 752 - Unnolfo
- 752 - 756 - Re Astolfo
- 756 - 757 - Ratchis
- 757 - 759 - Alboino
- 758 - 759 - Re Desiderio
- 758 - 763 - Gisulfo
- 763 - 773 - Teodicio
- 774 - 788 - Ildeprando

Periodo Franco
- 789 - 822 - Guinisigio I
- 822 - 824 - Suppone I
- 824 - 824 - Adelardo
- 824 - 824 - Mauring
- 824 - 834 - Adelchi I
- 834 - 836 - Lamberto I di Nantes
- 836 - 841 - Berengario di Spoleto
- 842 - 860 - Guido I di Spoleto
- 860 - 871 - Lamberto I di Spoleto
- 871 - 871 - Suppone II
- 871 - 874 - Suppone III
- 875 - 879 - Lamberto I
- 880 - 880 - Guido III
- 883 - 889 - Guido II
- 889 - 897 - Guido IV

Periodo Feudale
- 898 - 922 - Alberico
- 923 - 928 - Bonifacio I
- 924 - 928 - Pietro
- 929 - 936 - Teobaldo
- 937 - 940 - Anscario II
- 940 - 943 - Sarlione
- 943 - 946 - Uberto di Spoleto
- 946 - 953 - Bonifacio II
- 953 - 959 - Teobaldo II
- 959 - 967 - Trasimondo III
- 966 - 1001 - Corrado di Ivrea contemporaneamente ai tre successivi
- 967 - 981 - Pandolfo I Testadiferro
- 982 - 989 - Trasimondo IV
- 999 - ? - Ademaro
- 1003 - ? - Romano
- 1010 - 1020 - Ranieri di Toscana
- 1020 - 1035 - Ugo II
- 1036 - 1043 - Ugo III
- 1043 - 1056 - controllo del Marchesato di Toscana
- 1057 - 1070 - Goffreco III di Lorena
- 1070 - 1082 - controllo del Marchesato di Toscana
- 1082 - 1086 - Ranieri II
- 1086 - 1093 - controllo del Marchesato di Toscana
- 1093 - 1119 - Guarnieri II
- 1119 - 1171 - controllo del Marchesato di Toscana
- 1172 - ? - Ridedulfo
- 1177 - 1198 - Corrado di Urslingen
- 1190 - 1195 - Pandolfo II

Periodo di governo dello Stato della Chiesa
- 1198 - 1205 - Corrado II di Urslingen
- 1205 - 1205 - Enrico di Urslingen
- 1209 - 1225 - Diopoldo di Acerra
- 1223 - 1230 - Rainaldo di Urslingen
- 1227 - 1267 - Corrado Guiscardo di Urslingen
- 1251 - 1276 - Bertoldo di Urslingen
- 1251 - 1276 - Rainaldo di Urslingen



Riferimenti letteratura:
  • Paolo Diacono - Storia dei Longobardi
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare



  • Indice sezione