4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:

  • Famiglia: Famiglia della Rovere
    Matrimoni - Unioni:
  • Ferdinando II dei Medici
  • Vittoria della Rovere granduchessa di Toscana



    Figlia di Federico Ubaldo della Rovere duca di Urbino e di Claudia de'Medici, nacque a Pesaro il 7 febbraio 1622. Il padre morì improvvisamente nel 1623 e la madre tornò a Firenze, la piccola Vittoria fu affidata alla zia Maria Maddalena d'Austria e alla nonna Cristina di Lorena in quel periodo reggenti del Granducato di Toscana.
    Nel 1623 Vittoria fu fidanzata con Ferdinando II de'Medici, all'epoca tredicenne, e affidata alle monache del monastero della Crocetta dove visse con la madre fino al secondo matrimonio di questa nel 1626, quando Claudia de'Medici lasciò Firenze e non vide mai più la figlia Vittoria. La giovane ricevette una sofisticata educazione adeguata al duo futuro ruolo di Granduchessa di Toscana. Il duca Francesco Maria della Rovere, nonno di Vittoria, che aveva a suo tempo abdicato ma aveva dovuto riprendere le redini del ducato dopo la morte del figlio Federico Ubaldo, nel 1631 morì lasciando tutti i feudi della famiglia, ormai estinta, al papa Urbano VIII.
    Il 2 agosto 1634 Ferdinando II de'Medici sposò Vittoria della Rovere con cerimonia privata, il matrimonio fu nuovamente celebrato in via ufficiale nel 1637.
    L'unione fu infelice e dopo la nascita del primogenito Cosimo i coniugi vissero separati per molti anni e solo nel 1669 ebbero il secondo figlio Francesco Maria. Vittoria non fu mai coinvolta dal merito nelle vicende politiche del Granducato mentre il figlio Cosimo III, succeduto al padre nel 1670 le affidò la presidenza del supremo consiglio di grazia e giustizia.
    Nei primi anni del regno del figlio, Vittoria si scontrò con la nuora Margherita Luisa d'Orleans che nel 1675 abbandonò il marito e tornò in Francia.
    Vittoria della Rovere morì a Pisa il 5 marzo 1694. Fu sepolta nelle Cappelle Medicee di Firenze.


    Indice sezione