4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Illo



Ufficiale di origine isaurica, generale nell'esercito bizantino di Leone I, amico e collega di Zenone.
Nel 474 Zenone successe a Leone I e Illo fu inviato a combattere il ribelle Teodorico Strabone.
Nel 475 Illo si alleò a Basilisco insieme a Armazio e a Verina, vedova di Leone I, per rovesciare Zenone. Basilisco riuscì ad usurpare il trono ma, permettendo al popolo di Costantinopoli di trucidare gli Isaurici presenti in città per odio nei riguardi di Zenone, perse il favore di Illo che aiutò Zenone a riprendere il potere.
Nel 477 Zenone fece uccidere Armazio e un suo servo attentò alla vita di Illo ma Zenone per allontanare i sospetti consegnò l'attentatore al generale. Nel 478 Illo subì un altro attentato scoprendo più tardi che il vero mandante era Verina e poiché Zenone lo richiamava per contrastare Teodorico Strabone nuovamente ribelle, Illo pretese che Verina venisse imprigionata.
Nel 479 Illo sventò un'altra rivolta organizzata ai danni di Zenone da Flavio Marciano.
Longino, fratello di Zenone, era tenuto in ostaggio da Illo dal 475. Nel 483 Zenone ne chiese la liberazione, Illo rifiutò e Zenone lo espulse dall'impero confiscando i suoi beni e privandolo di tutti i titoli.
Nel 484 Illo si ribellò dopo aver reperito numerosi alleati fra cui Odoacre e Zenone gli mandò contro Leonzio che passò dalla sua parte.
Essendo Illo, come Zenone, di origine isaurica dunque esterna all'impero, non poteva contare sull'approvazione popolare nel caso fosse riuscito a usurpare il trono, perciò decise di far incoronare Leonzio.
Il 19 luglio 484 Leonzio venne incoronato dall'imperatrice Verina vedova di Leone I, venne riconosciuto da alcune città e si stabilì in Antiochia ma presto fu attaccato dall'esercito inviato da Zenone, composto da Romani e da Goti e comandato da Teodorico.
Leonzio e Illo furono assediati per quattro anni nella fortezza di Papurius che cadde nel 488, quindi furono catturati e giustiziati.


Riferimenti letteratura:
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare




  • Indice sezione