Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Tegea



Antica città dell'Arcadia, situata nel sud-est della regione su un altipiano a 670 m.s.l.m.
Una tradizione di Tegea voleca che il suo re Echemo avesse ucciso in duello Illo figlio di Eracle impedendo così agli Eraclidi (cioè ai Dori) di invadere l'Arcadia attraverso l'istmo di Corinto.
Intorno al 560 a.C. il re di Sparta Anassandrida costrinse i Tegeati a riconoscere la supremazia spartana ma la città rimase indipendente e nell'ambito della Lega Peloponnesiaca ottenne l'onore di occupare l'ala destra negli schieramenti in battaglia.
I Tegeati combatterono alle Termopili e a Platea.
Prima della guerra del Peloponneso Tegea fu in contrasto con gli Spartani e ne venne più volte sconfitta ma allo scoppio del conflitto si schierò ancora con Sparta spinta da antica ostilità verso Mantinea.
Nel quarto secolo le città dell'Arcadia, fra cui Tegea, si costituirono in lega e fondarono Megalopoli. Nel 362 a.C. Tegea combattè nella battaglia di Mantinea schierata con i Tebani.
Sottomessa da Alessandro Magno, nel terzo secolo combattè contro la Macedonia partecipando alla confederazione promossa da Tolomeo Filadelfo e in seguito fu contesa tra Macedoni e Spartani fino al 207 a.C. quando fu riconquistata dalla Lega Achea.
La città decadde in età romana e fu completamente distrutta nel quarto secolo d.C. da Alarico.


Riferimenti letteratura:
  • Erodoto - Storie
  • Tucidide - La Guerra del Peloponneso
  • Polibio di Megalopoli - Storie
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Igino - Fabulae
  • Plinio il Vecchio - Storia Naturale
  • Plutarco - Vite di Agide e Cleomene, Tiberio e Caio Gracco
  • Gaio Giulio Solino - Delle cose meravigliose del mondo
  • Velleio Patercolo - Storia romana




  • Indice sezione