4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 
Figli:
  • Lucrezia Borgia
  • Cesare Borgia
  • Giovanni Borgia
  • Goffredo Borgia
  • Vannozza Cattanei



    Di origini mantovane o bresciane, Vannozza Cattanei, il cui vero nome era Giovanna di Candia dei Cattanei o de Cataneis, nacque nel 1442 ed in gioventù si stabilì a Roma dove intraprese l'attività di locandiera gestendo locali rinomati frequentati dalla nobiltà romana e dall'alto clero.
    Nelle locande di Vannozza i clienti trovavano una raffinata ospitalità ed i servizi di numerose prostitute.
    Intorno ai venti anni, secondo una notizia non definitivamente documentabile, Vannozza sarebbe stata per qualche tempo l'amante del cardinale Giuliano della Rovere che successivamente divenne papa con il nome di Giulio II.
    Ma l'incontro più importante fu quelllo con il cardinale Rodrigo Borgia, futuro papa Alessandro VI, che Vannozza conobbe probabilmente intorno al 1465 e del quale divenne più tardi la concubina ufficiale dandogli quattro figli: Cesare, Giovanni, Lucrezia e Goffredo.
    Nel corso della lunghissima relazione Vannozza ebbe tre mariti, tutti matrimoni organizzati dal Borgia, l'ultimo dei quali fu l'umanista Carlo Canale.
    Durante quegli anni Vannozza, grazie ai favori del Borgia, ai beni ereditati dai mariti ed al proprio talento per gli affari, divenne una delle donne più ricche di Roma.
    Nel 1492 Rodrigo Borgia divenne papa e poco dopo sostituì Vannozza nel ruolo di concubina ufficiale con la giovanissima Giulia Farnese, detta Giulia la Bella, le cui fattezze sono probabilmente rappresentate nel celebre dipinto Dama col liocorno di Raffaello.
    La nuova relazione del papa e gli eventi della vita dei figli allontanarono rapidamente Vannozza dalla vita dei Borgia.
    Morì il 26 novembre 1519 dopo aver dedicato gli ultimi anni alla penitenza ed alla beneficenza.

    Secondo la documentazione raccolta da Maria Bellonci per il suo Lucrezia Borgia i mariti di Vannozza furono Domenico d'Arignano, Giorgio della Croce e Carlo Canale, mentre Antonio da Brescia precedentemente ritenuto uno dei coniugi della donna sarebbe stato in realtà un consanguineo.


    Riferimenti letteratura:
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare



  • Indice sezione