4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Edipo



Figlio di Laio, discendente di Cadmo.
Laio era stato diffidato dall'oracolo di Apollo dal generare figli, per questo motivo fece colpire ritualmente ai piedi Edipo avuto dalla moglie Giocasta, (il nome significa infatti 'piede gonfio') e lo fece esporre. Un pastore lo salvò e lo portò a Polibo, re di Corinto.
Quando Edipo divenne adulto, seppe della profezia e fuggì da Corinto perchè riteneva che Polibo fosse suo padre.
Durante la fuga uccise uno straniero che in realtà era il vero padre Laio e parte della profezia si avverò.
Trovò Tebe sottoposta al dominio della Sfinge, un mostro metà uomo e metà leone che uccideva chi non riuscisse a risolvere i suoi enigmi.
Famosissimo è quello posto ad Edipo: 'Chi cammina al mattino su quattro zampe, il giorno su due e la sera su tre ? ' Edipo rispose: 'L'uomo, nelle tre età della sua vita'.
La risposta era esatta e la Sfinge fu sconfitta. Edipo ebbe in premio la mano della regina della città: sua madre Giocasta. Così la profezia fu compiuta ed Edipo regnò a lungo a Tebe. Infine l'indovino cieco Tiresia svelò gli enigmi della sua nascita e Giocasta, inorridita dal sapersi moglie di suo figlio, si impiccò.
Edipo
, che aveva avuto da Giocasta due figli, Eteocle e Polinice, e due figlie, Antigone ed Ismene, per il rimorso si accecò con i fermagli del vestito di Giocasta ed abbandonò Tebe partendo in esilio volontario con Antigone.
In altre versioni del mito è Creonte, fratello di Giocasta, che salito al trono scaccia Edipo da Tebe.
Esule, Edipo si rifugia a Colono, presso Atene. Secondo Pausania le sue ceneri si trovavano nel tempio delle Dee Venerande (le Erinni) in Atene.

Il mito di Edipo ha ispirato a Sofocle le famose tragedie Edipo Re ed Edipo a Colono.
Numerosissimi i prodotti letterari ispirati a questa leggenda fra cui quelli di Corneille, Voltaire e Cocteau.

Molti aspetti del mito e della figura di Edipo sono precisati anche nella tragedia Fenicie, di Euripide:
  • Edipo nasce contro il volere degli dei, che è stato trasgredito da Laio in un momento di ebbrezza, è dunque un figlio non voluto, frutto di un errore.
  • Edipo viene ferito ai piedi ed esposto sul Monte Citerone: è dunque un figlio respinto, abbandonato al proprio destino dopo essere stato 'colpito'.
  • Edipo viene salvato ed adottato ma crescendo non rinuncia a voler conoscere la verità sulle proprie origini.
  • Edipo uccide Laio senza sapere di esserne figlio, facendolo vendica un'offesa subita, ma se avesse saputo di trovarsi davanti al padre che lo aveva abbandonato avrebbe perdonato?
  • Edipo risolve l'enigma della Sfinge, è dunque un 'eroe della mente' più che della spada.
  • Edipo riceve come ricompensa il trono di Tebe, lasciato libero dalla morte di Laio, e la mano della regina vedova Giocasta.
  • Gli sposi ignorano di essere madre e figlio e, sembra, vivono felici finché la profezia non si compie ed Edipo scopre, dello stesso momento di aver commesso il parricidio e l'incesto.
  • Edipo si acceca. In Sofocle Giocasta si uccide, nelle Fenicie di Euripide sopravvive per morire poi sui corpi dei figli caduti in duello.
  • Edipo predice che i suoi figli maschi, Eteocle e Polinice, si sarebbero uccisi fra loro nella contesa per il regno.
  • Polinice ed Eteocle decidono di regnare un anno ciascuno, Eteocle però, scaduto il suo tempo non vuole lasciare il trono al fratello.
  • Polinice che intanto ha sposato la figlia del re di Argo Adrasto, ottiene da questi un esercito e muove guerra al fratello.
  • Durante l'assedio di Tebe i due fratelli decidono di mettere fine al conflitto con un duello fra di loro, ma si uccidono a vicenda.
  • I Tebani, che hanno recuperato il favore di Ares grazie al sacrificio di Meneceo, vincono la guerra e distruggono l'armata dei sette.
  • Creonte prende il potere a Tebe e vieta la sepoltura di Polinice.
  • Antigone contravviene il divieto e viene uccisa (Antigone) oppure fugge con il padre (Edipo a Colono).
  • Edipo viene esiliato da Tebe e dopo lunghe peregrinazioni finisce i propri giorni a Colono, presso Atene, come era stato predetto dall'oracolo.


    Riferimenti letteratura:
  • Pindaro - Olimpiche
  • Eschilo - Sette contro Tebe
  • Sofocle - Edipo Re
  • Sofocle - Edipo a Colono
  • Sofocle - Antigone
  • Euripide - Fenicie
  • Erodoto - Storie
  • Seneca - Edipo
  • Ovidio - Tristia
  • Igino - Fabulae
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Pausania - Descrizione della Grecia
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca


  • Riferimenti Genealogici

    Genitori:
  • Laio
  • Giocasta
    Fratelli e sorelle:
  • Antigone
  • Polinice
  • Eteocle
  • Ismene
    Matrimoni - Unioni:
  • Giocasta
    Figli:
  • Antigone
  • Polinice
  • Eteocle
  • Ismene


  • Indice sezione