4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Santa Maria in Ara Coeli Roma



La chiesa di Santa Maria in Aracoeli sorse nel IV o V secolo nel luogo dove di dice che la Sibilla annunciasse ad Augusto l'avvento di Cristo, fu restaurata dai Francesi nel 1250 in stile romanico-gotico. Nel Medioevo fu sede di mercato e centro della vita politica romana, vi tenne i suoi discorsi Cola di Rienzo che ne inagurò la scalinata (124 gradini).
L'interno è a tre navate con soffitto ligneo a cassettoni del 1575 e pavimento cosmatesco, pietra tombale di G. Crivelli (Donatello 1432), affreschi di Pinturicchio (Storia di San Bernardino) e di Benozzo Gozzoli (S. Antonio da Padova).
Le demolizioni fasciste del 1928 fecero scomparire il lato orientale della piazza, cancellando la settecentesca chiesa di San Venanzio dei Camerinesi e le Torri del Mercato e del Cancelliere.
Il S. Bambino di Aracoeli fu scolpito a Gerusalemme, su legno d'ulivo dei Gethsemani, da un religioso francescano sul finire del XV secolo. Portato a Roma dal'autore, fu sempre particolarmente onorato dal Romani nella Basilica di Aracoeli sul Campidoglio. Il S. Bambino, per i suoi prodigi, è oggetto di venerazione da parte dei fedeli di tutto il mondo. Fu Incoronato dal Capitolo Vaticano il 2 Maggio 1897.


Vedi anche:
  • Chiese di Roma


  • Indice sezione