4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Anfiarao



Figlio di Oicleo e genero del re Adrasto, membro della spedizione dei Sette contro Tebe.
Lui ed il suo tiro di cavalli, durante la battaglia, furono inghiottiti da una voragine apertasi improvvisamente per la caduta di un fulmine, sulla strada fra Potnie e Tebe precisa Pausania (IX, 8, 2).
E' l'indovino ed il saggio della spedizione, nella tragedia di Eschilo si dice che deprecasse l'azione fratricida voluta da Polinice.
Dopo la morte di Anfiarao, suo figlio Catillo si trasferì in Italia dove ebbe tre figli: Catillo il Giovane, Cora e Tiburto. I tre fratelli fondarono Tivoli che prese il nome di Tiburto. Cora fondò la città di Cori, Catillo il Giovane fu eponimo del Mons Catilli, presso Tivoli.
Anfiarao è citato anche nel XV canto dell'Odissea a proposito della successione genealogica che collega Melampo a Teoclimeno.

Dante lo colloca fra gli indovini puniti nella quarta bolgia dell'ottavo cerchio (Inferno, XX).


Riferimenti letteratura:
  • Odissea
  • Pindaro - Olimpiche
  • Pindaro - Pitiche
  • Eschilo - Sette contro Tebe
  • Euripide - Supplici
  • Igino - Fabulae
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Pausania - Descrizione della Grecia
  • Ditti Cretese - Storia della guerra troiana
  • Divina Commedia - Inferno


    Vedi anche:
  • Sette contro Tebe
  • Epigoni

  • Riferimenti Genealogici

    Genitori:
  • Oicleo
  • Ipermnestra
    Figli:
  • Catillo
  • Anfiloco
  • Demonassa


  • Indice sezione