4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  

Il gatto

Regia: Luigi Comencini
Soggetto: Rodolfo Sonego
Sceneggiatura: Rodolfo Sonego, Augusto Caminito, Fulvio Marcolin
Interpreti: Dalila Di Lazzaro, Nerina Di Lazzaro, Mario Brega, Armando Brancia, Bruno Gambarotta, Philippe Leroy, Ugo Tognazzi, Mariangela Melato, Pino Patti
Genere Commedia
Produzione; Italia - 1977

Trama

Fonte della trama Wikipedia

Gli avidi fratelli Amedeo e Ofelia Pegoraro hanno ricevuto in eredità un vecchio condominio in centro a Roma, nel quale abitano e dal quale traggono il loro sostentamento, incassando le magre pigioni dei vecchi appartamenti. Dopo aver ricevuto un`allettante offerta economica per la cessione del palazzo, a condizione che sia libero da persone e cose,cercano di convincere, con ogni mezzo a disposizione, gli inquilini a lasciare i loro appartamenti e trasferirsi altrove.
Operando una certosina attività investigativa, che non esclude la perquisizione degli appartamenti durante l`assenza degli occupanti, allo scopo di ottenere informazioni con le quali ricattare gli affittuari e costringerli al trasferimento, i due fratelli hanno buon gioco nell`eliminare molti locatari. In un caso, riescono persino a far arrestare un`insospettabile coppia di anziani concertisti, spesso assenti per le continue tournée all`estero, dopo aver scoperto che arrotondano gli stipendi trasportando droga. Poco dopo riescono a far arrestare la tenutaria di una scuola di scacchi, in realtà tenutaria di una casa di tolleranza e portano alla luce loschi intrighi di mafia e corruzione che coinvolgevano altri inquilini: il signor Garofalo e un uomo tedesco dedito a rapporti diplomatici per mezzo di una macchina telescrivente. Anche la bella Wanda, segretaria di un importante uomo d`affari risulta implicata in una storia di ricatti e mazzette ed è costretta a fuggire. Il sacerdote Don Pezzolla, di cui Ofelia è invaghita, viene invece trasferito dalla curia a seguito di lettere anonime spedite da Amedeo mentre il proprietario di una sartoria ubicata nello stabile finisce in manette, a seguito di una denuncia di Ofelia, per il mancato versamento agli Enti previdenziali dei contributi a beneficio dei dipendenti.
Amedeo e Ofelia mostrano di essere candidamente privi di ogni scrupolo morale e mantengono un infantile comportamento reciprocamente ostile e dispettoso, ma la loro alleanza e determinazione nel perseguimento del comune obiettivo è incrollabile ed efficace.
Il raggiungimento dell`agognato traguardo è impedito però dal ritorno di Wanda che, dopo l`arresto di Garofalo e del ricco uomo d`affari non si sente più minacciata.


Ricerca nel database cinema