4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Palazzo dei Priori Perugia



Il Palazzo dei Priori di Perugia, situato in Piazza IV Novembre con una facciata lungo Corso Vannucci, fu sede delle magistrature cittadine ed oggi ospita parte degli uffici comunali e la Galleria Nazionale dell'Umbria.
La sua realizzazione ebbe inizio nel 1293 con l'esproprio di edifici privati e la costruzione del primo nucleo del complesso edificio. Con una delibera del 1300 il comune affidò il progetto complessivo agli architetti Giovannello di Benvenuto e Giacomo di Servadio.
I priori cittadini cominciarono a risiedere nel palazzo nel 1353 mentre la facciata sul Corso Vannucci fu completata solo nel 1443, ancora nel XVI secolo si svolgevano lavori di completamento, migliorie e sistemazioni.

La facciata verso Piazza IV Novembre presenta il portale di accesso della Sala dei Notai con una scalinata a ventaglio costruita nel 1902 in sostituzione di una precedente scala a due rampe. Ai lati del portale sono due trifore, sopra la portale le copie delle statue del Grifo Perugino e del Leone Guelfo poggiano su due mensole. Dalle stesse mensole pendono due catene tolte alle porte di Siena, trofeo della vittoria di Torrita del 1358.
Al piano superiore si aprono cinque trifore gotiche, il cornicione sull'edificio è sormontato da merli lettangolari.
A destra della gradinata si trova il pulpito dal quale venivano letti i decreti.
La facciata su Corso Vannucci presenta una serie di trifore con due quadrifore al piano inferiore e al piano superiore una serie di trifore sormontate da cuspidi simili a quelle che si affacciano sulla piazza. Anche il cornicione e la merlatura continuano il disegno dell'altra facciata.
Il portale del 1346 si trova fra pilastri sorretti da leoni ed è sormontato da una lunetta con le statue dei santi Lorenzo, Ercolano e Costanzo.
Interno: La Sala dei Notai accessibile dal portale di Piazza IV Novembre fu "sala del popolo" fino al 1582 quando divenne sede dell'arte dei notai.
E' un grande ambiente rettangolare con copertura a volta e decorazioni pittoriche trecentesche di maestranze locali.
Dal portale di Corso Vannucci si entra nell'atrio gotico decorato con stemmi di pietra fra cui quello di Braccio Fortebracci, nell'atro si trova il forziere quattrocentesco del Comune.
Al primo piano la Sala del Consiglio Comunale fu affrescata da Pinturicchio. Vi sono esposti gli originali delle statue bronzee del Grifo e del Leone le cui copie si trovano sulla facciata di Piazza IV Novembre.
Ancora al primo piano la Sala Rossa di Giulio III con affreschi di Giovanni Schepers e dipinto di Dono Doni, la Sala Gialla con decorazioni attribuite a Matteuccio Salvucci.
Il piano superiore ospita la Galleria Nazionale dell'Umbria.


Indice sezione