4/vgF0McT6WBi1RPOKg40mK96lk1bJq1dTncfbVzjMYsVgdkLfU3L2ZoQ

Sunelweb
    
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Samaria



Samarie
Rovine di Samaria
By Olivier Levy (Own work)
[GFDL or CC-BY-SA-3.0-2.5-2.0-1.0],
via Wikimedia Commons
Antica città della Palestina centrale, capitale del regno ebraico di Israele. Costruita verso l'880 a.C. da Amarino, sesto re d'sraele, fu espugnata e distrutta dagli Assiri intorno al 722 a.C. Dopo la distruzione della città e la deportazione dei suoi abitanti furono immesse dai dominatori nella regione popolazioni di altre aree sottomesse come i Chutei che si fusero con la razza ebraica dando origine ai Samaritani.
Ricostruita, fu di nuovo distrutta da Alessandro Magno nel 330 a.C. poi da Giovanni Ircano nel 108 a.C.
Ricostruita da Pompeo Magno nel 63 a.C. fu trasformata secondo canoni greco-romani da Erode il Grande e ribattezzata Sebaste, oggi Sebastiyyeh.
Disprezzati dai Giudei ed esclusi dalla comunità giudaica, i Samaritani fondarono nel 40 a.C. una comunità con un tempio sul monte Garizim presso Sichem e professarono una religione basata sul solo Pentateuco.
Colonia romana con Settimio Severo, vescovato dal secolo IV, la sua importanza diminuì con l'affermarsi di Neapolis.
Vi sono sepolti San Giovanni Battista ed i profeti Eliseo e Abdia.
Alcuni Samaritani con proprio sacerdote sussistono ancora oggi a Nablus.


Riferimenti letteratura:
  • Bibbia - Primo libro dei Maccabei
  • Giuseppe Flavio - Antichità Giudaiche




  • Indice sezione