Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Poseidone
  • Toosa
    Fratelli e sorelle:
  • Ippotoo
  • Belo
  • Cercione
  • Nausitoo
  • Pelia
  • Tritone
  • Eumolpo
  • Neleo
  • Evadne
  • Lico
  • Anceo
  • Megareo
  • Attore
  • Feace
  • Beoto
  • Leuconoe
  • Irieo
  • Ditti
  • Periclimeno
  • Cicno
  • Etusa
  • Abante
  • Lamia
  • Euripilo
  • Polifemo ciclope



    Ciclope, figlio di Posidone e della ninfa Toosa, viveva sulla costa dei Ciclopi in Sicilia.
    Nell'Odissea viene rappresentato come gigante dotato di un solo occhio.
    Ulisse sbarca in Sicilia e con dodici compagni visita l'antro del ciclope mentre questi è fuori per pascere il suo gregge, ma al ritorno Polifemo chiude la grotta con un enorme macigno e mostra subito le proprie intenzioni divorando due greci. Il mattino successivo, dopo aver mangiato altri due malcapitati, chiude di nuovo l'accesso alla grotta e si allontana lasciando Ulisse e i superstiti a meditare sul da farsi.
    Quando a sera il ciclope rincasa lo scaltro Ulisse gli offre un otre di vino che aveva con se e lascia che il ciclope beva fino a ubriacarsi. Prima di addormentarsi Polifemo promette a Ulisse di mangiarlo per ultimo come ricompensa per il vino e gli chiede come si chiami ed egli risponde Oudeis (da cui Odisseo) che significa nessuno.
    Mentre Polifemo dorme Ulisse e i suoi compagni accecano il loro mostruoso aguzzino con un palo arroventato e gli altri ciclopi accorsi alle grida di Polifemo non intervengono perché egli continua a rispondere che "Nessuno" gli ha fatto del male.
    Al mattino i Greci si mettono in salvo approfittando della cecità di Polifemo e riescono a raggiungere la loro nave. Il ciclope si rivolge al padre Posidone chiedendo vendetta e pregandolo di perseguitare Ulisse durante il suo ritorno.
    Fin qui il racconto certamente più famoso riguardante Polifemo, ma esiste anche un altro mito sul suo conto: Teocrito (II idillio) lo descrive innamorato della ninfa Galatea; Ovidio lo fa uccisore del pastore Aci, suo rivale.


    Riferimenti letterari:
  • Odissea
  • Euripide - Ciclope
  • Virgilio - Eneide
  • Igino - Fabulae
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Luciano di Samosata - Dialoghi marini, degli dei e delle cortigiane
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache
  • Metastasio - Galatea



  • Indice sezione