Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Riferimenti Genealogici

Genitori:
  • Agamennone
  • Clitemnestra
    Famiglia: Atridi
    Fratelli e sorelle:
  • Erigone
  • Alete
  • Oreste
  • Elettra
  • Crisotemi
  • Ifigenia



    Giovanni Battista Tiepolo 082
    G.B. Tiepolo, Sacrificio di Ifigenia
    via Wikimedia Commons
    Figlia di Agamennone e di Clitemnestra, fu votata al sacrificio dal padre quando una tempesta (o la mancanza di vento) per volere di Artemide impedivano alle navi achee in Aulide di partire alla volta di Troia. L'indovino Calcante aveva infatti annunciato che solo il suo sacrificio avrebbe posto fine all'ira di Artemide, che era stata offesa da Agamennone.
    Agamennone - per nascondere alla moglie il destino di Ifigenia - finse di averla promessa in matrimonio ad Achille e la mandò a chiamare tramite messaggeri. Al momento del sacrificio, tuttavia, Artemide si impietosì e salvò la giovane sostituendola con una cerva. Le navi riuscirono a prendere il mare e tutti credettero che Ifigenia fosse morta ma la dea l'aveva portata in Tauride, per farne la sua sacerdotessa.Anni dopo Oreste, figlio di Agamennone, dopo aver ucciso la madre Clitemnestra per vendicare la morte del padre, venne a sapere che per placare le Erinni materne avrebbe dovuto conquistare la statua di Artemide in Tauride e portarla ad Argo. Oreste si recò in Tauride con l'amico Pilade, ma i due vennero catturati dal re Toante che usava sacrificare tutti gli stranieri che giungevano nel suo paese. I prigionieri vennero affidati ad Ifigenia che riconobbe il fratello ed escogitò un espediente per fuggire. Asserendo che la statua era stata contaminata dai prigionieri, ebbe la possibilità di recarsi sulla spiaggia per compiere una purificazione portando con se la statua, Oreste e Pilade. Parlando di un rito segreto riuscì ad essere lasciata sola con i prigionieri e realizzò così il proprio piano di fuga. I tre giunsero nell'isola di Sminte, presso il sacerdote Crise, padre di Criseide che era stata prigioniera dei Greci e che aveva avuto da Agamennone un figlio, Crise il giovane. In una perduta tragedia di Sofocle, Crise il Giovane accettava di consegnare i fuggiaschi a Toante ma veniva fermato dal nonno che gli svelava la sua parentela con loro.
    In alcune varianti del mito Ifigenia era figlia di Teseo ed Elena ed era stata adottata da Clitemnestra, oppure era figlia di Agamennone e Criseide.

    Nota: In alcune fonti il personaggio può essere definito con il nome di Ifianassa.


    Riferimenti letterari:
  • Pindaro - Pitiche
  • Eschilo - Agamennone
  • Euripide - Ifigenia in Aulide
  • Euripide - Ifigenia in Tauride
  • Iliade
  • Ovidio - Metamorfosi
  • Igino - Fabulae
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Licofrone - Alessandra
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache
  • Montaigne - Saggi
  • Vittorio Alfieri - Agamennone
  • Vittorio Alfieri - Oreste


    Vedere anche:
  • Atridi - Genealogia



  • Indice sezione