Google+
Guida rapida
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W Y Z  
 

Tracia



La Tracia è una regione della Penisola Balcanica che attualmente risulta divisa fra Grecia, Turchia e, per una piccola porzione, Bulgaria.
Bagnata dal Mar Nero, dal Mar di Marmara e dal Mar Egeo, è delimitata a Ovest dalla Macedonia e a Nordovest dal Massiccio del Rodope.
Citata non frequentemente dai poeti arcaici greci, la Tracia acquista risonanza durante le guerre persiane. Dopo queste guerre si costituì un regno di Tracia, il regno degli Odrisi, conteso fra Ateniesi e Macedoni e, dopo il regno di Coti I (384-358 a.C.) tutta la regione fu conquistata da Filippo II di Macedonia.
Dopo Alessandro Magno la Tracia appartenne a Lisimaco, ai Seleucidi e quindi ai Tolomei ma fino al terzo secolo a.C. parti interne furono occupate da un regno celtico e da quanto rimaneva del regno degli Odrisi.
Alla fine del terzo secolo i Romani assegnarono la penisola del Chersoneso Tracico ai re di Pergamo e nel 168 a.C., dopo la battaglia di Pidna, resero loro protettorato il regno degli Odrisi.
Nel primo secolo d.C. gran parte della Tracia fu governata da una dinastia locale cliente di Roma fino alla morte di Remetalce nel 46 d.C. quando l'intera regione venne direttamente annessa all'impero.
Nel quinto secolo i Bizantini difesero a lungo la Tracia da Unni e Goti e nel 459 l'imperatore Leone I concluse un trattato di pace con i Goti. Da allora la Tracia fu sotto l'impero bizantino finchè questo non fu sconfitto dai Turchi e la regione passò al dominio ottomano, situazione che perdurò fino al 1878.
In quell'anno fu concluso il trattato di Berlino che rese autonoma la Tracia Settentionale che prese il nome di Romelia ma già nel 1885 fu annessa alla Bulgaria.
Dal 1913 al 1919 per effetto del trattato di Bucarest la regione fu divisa fra Bulgaria e Turchia ma dopo la prima guerra mondiale con il trattato di Neully quesi tutta la parte bulgara passò alla Grecia.
La Bulgaria occupò ancora brevemente una parte della Tracia durante la seconda guerra mondiale ma la liberò nel 1945.


Riferimenti letteratura:
  • Erodoto - Storie
  • Diodoro Siculo - Biblioteca storica
  • Ditti Cretese - Storia della guerra troiana
  • Apollonio Rodio - Argonautiche
  • Dionigi di Alicarnasso - Storia di Roma Antica
  • Licofrone - Alessandra
  • Igino - Fabulae
  • Ovidio - Metamorfosi
  • Ovidio - Tristia
  • Virgilio - Eneide
  • Livio - Storia di Roma
  • Velleio Patercolo - Storia romana
  • Pseudo-Apollodoro - Biblioteca
  • Aulo Gellio - Notti Attiche
  • Pausania - Descrizione della Grecia
  • Plutarco - Temistocle e Camillo
  • Plutarco - Vite di Cimone e Lucullo
  • Plinio il Vecchio - Storia Naturale
  • Tacito - Annali
  • Svetonio - Vite dei Cesari
  • Dione Cassio - Storia romana
  • Storia Augusta
  • Nonno di Panopoli - Dionisiache
  • Macrobio - Saturnali
  • Procopio di Cesarea - La guerra gotica
  • Procopio di Cesarea - Storie segrete
  • Ludovico Antonio Muratori - Annali d'Italia dal principio dell'era volgare
  • Girolamo Serra - Storia dell'antica Liguria e di Genova


    ',


  • Indice sezione